Formazione nel settore alberghiero: ecco i diversi indirizzi

Lavorare nel settore del turismo e della ristorazione richiede un lungo elenco di competenze, che devono essere acquisite in abito formativo per accedere a una qualifica professionale.

Oltre a doti come la capacità di adattarsi a situazioni di lavoro spesso stressanti e una buona dose di empatia, la base di studi deve essere solida e caratterizzata da percorsi specifici, a seconda della carriera che si vuole intraprendere. Ecco, qui di seguito, gli indirizzi principali.

Corsi nel settore della ristorazione

Molti professionisti che lavorano nei ristoranti provengono da studi variegati, che possono comprendere una base di liceo con indirizzo alberghiero, per poi approdare a corsi specialistici, come quelli erogati dall’istituto ALMA oppure dalla Gambero Rosso Academy.

Chi ha già una formazione base, oppure è impossibilitato a seguire i corsi in presenza, può optare anche per interessanti alternative online, attraverso piattaforme come Corsicef, che si avvalgono delle più recenti tecniche per l’apprendimento a distanza.

È possibile approfondire l’ambito del management nell’area della ristorazione, compreso quello della gestione del budget e delle risorse umane, attraverso i master offerti dall’UET a Milano o Roma.

Corsi in hotel management

Qui i master spaziano dalla gestione di front e back office, budget e risorse, oppure anche compiti organizzativi di addetti ai ricevimenti e gestione personale.

Chi desidera una formazione che può portare anche a sbocchi manageriali, può optare per i percorsi per diventare Tecnico Superiore per il Turismo, oppure anche scuole prestigiose come la svizzera EHL, che offre laurea e master post laurea in Global Hospitality.

La conoscenza di alcune lingue è sempre necessaria, e riesce ad accrescere notevolmente le possibilità di assunzione. Il livello richiesto deve essere adeguato al ruolo svolto, e di conseguenza, per mansioni relative all’accoglienza degli ospiti, bisogna avere soprattutto una buona dimestichezza nel parlato.

Cos’è l’attestato HACCP

Necessario per tutti coloro che entrano in contatto con cibi e bevande destinati alla consumazione da parte della clientela, questo certificato è indispensabile per camerieri, cuochi, hostess e steward.

L’acronimo inglese significa Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici, e si ottiene frequentando un corso al termine del quale bisogna superare una prova d’esame.

Formazione alberghiera: ecco i requisiti per farsi assumere negli hotel

Per chi lavora nel settore dell’hotellerie, il periodo formativo è non solo indispensabile, ma utile a comprendere qual è la carriera che si vuole intraprendere. Le professioni, in questo campo, sono numerose, molto specializzate, e non sempre è facile passare da un ruolo all’altro. Ecco... Leggi

Stage in cucine stellate: un’opportunità da cogliere

Per aspiranti cuochi, uno stage rappresenta un momento fondamentale della formazione. Dopo la necessaria teoria e tante situazioni di simulazione del lavoro, atte a far prendere dimestichezza con gli strumenti pratici del mestiere, arriva il momento di confrontarsi con i ritmi, le necessità e le sfi... Leggi

Hotel e crociere: stage formativi per addetti al casinò

Se il tuo sogno è quello di lavorare a contatto con il pubblico, magari come responsabile di una sala di casinò o come croupier, i tuoi desideri potrebbero diventare realtà. D’altronde, il gioco è tra i passatempi preferiti dagli italiani e, come dimostrato da siti online come Starcasinò, si t... Leggi

Stage in albergo: quale scegliere?

Al termine di un percorso di studi nel settore alberghiero, si può normalmente accedere a uno stage in azienda. Ciò permette di fare esperienza in una città d’arte o in una località turistica e può costituire una opportunità per ricevere una proposta di assunzione. L’albergo a gestione f... Leggi